x

Cell. (+39) 380 5181388 | Cell. (+39) 392 9363295 | E-mail. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cremazione

Consiste nel ridurre tramite la combustione, la salma. La durata varia a seconda dell'essenza del legno del cofano, generalmente 2 o 3 ore. Il forno raggiunge la temperatura di 1000°. Le ceneri della salma si distinguono da quelle del legno e vengono separate, una votla raffreddate, messe in un'urna cineraria ermetica che può essere in legno e zinco, porcellana, bronzo, metallo, marmo, ecc.

Cosa si deve fare per essere cremati:

  • Redigere il testamento olografo ( scritto di pugno ) datato e firmato recante la volontà di essere cremato; oppure redatto dinanzi ad un notaio. 
  • Essere iscritto ad una associazione per la cremazione riconosciuta (so.crem)  Essere iscritto nel Registro Comunale di cremazione.

In mancanza di uno dei punti sopracitati si redigerà il "processo verbale", di fronte all'Ufficiale di Stato Civile del comune di decesso o di residenza in vita del defunto. Dovrà farlo il coniuge o in mancanza di esso, dai figli o a seguire, in base al Codice Civile i parenti più prossimi confermando che: "in vita il defunto aveva la volontà di essere cremato". Tale dichiarazione, escluso il coniuge dovrà essere presentata dal 50% 1 dagli aventi titolo di pari grado (Es. se il coniuge è in vita basta la sua volontà; se restano come parenti più prossimi 5 figli o a seguire nipoti, basterà che 3 di loro facciano il processo verbale.) In caso di minori la volontà deve essere espressa da entrambi i genitori o da chi esercita su di essi la potestà.

Per gli stranieri, in caso di assenza di parenti, di testamento o di iscrizione al Socrem, sarà necessaria una dichiarazione del rappresentante diplomatico o consolare dello Stato cui appartiene il defunto che richieda la cremazione del defunto stesso. Nel caso di morte improvvisa, sospetta o violenta in cui è obbligo il nulla osta della Procura della Repubblica sarà necessario avere il nulla osta anche per la cremazione. Se il defunto è portatore di pacemaker dovrà essergli asportato. Se non lo è si dovrà redigere una certificazione che lo comprova, se il decesso avviene in Ospedale lo farà il medico necroscopo dopo aver visitato la salma.

Da oltre 25 anni l'Impresa Funebre ARDITO affianca i parenti delle persone scomparse con un supporto di tipo non solo professionale, ma soprattutto umano.

Ci avvaliamo di personale esperto e qualificato, che si occuperà di ogni fase organizzativa del funerale, dal momento del decesso fino alla sepoltura.

Contatti dettagli

Via San Giovanni de Matha, 10
73034 Gagliano del Capo (LE)

Cell. (+39) 380 51 81 388

Cell. (+39) 392 93 63 295

Cell. (+39) 389 26 05 609

C.F.: RDT TMS 76M 07L 419Y
P.IVA: 03210630756

E-mail. info@itofardito.it

Newsletter

Inserisci la tua e-mail per ricevere le nostre ultime news e promozioni.
Privacy e Termini di Utilizzo